Dopo la bufera di vento si contano i danni. Nel Sorano, ma anche nella Valle di Comino, sono state decine gli interventi della macchina dei soccorsi chiamata, anche nella notte, a rimuovere gli alberi caduti sulle strade. Grande lavoro anche per i vigili del fuoco del distaccamento di Sora che hanno fronteggiato l'emergenza sia durante la notte che ieri.

In diversi comuni le insegne pubblicitarie sono state divelte delle forti raffiche di vento.
A subire ripercussioni anche ilmercato settimanale del giovedì a Sora, con pochi banchi montati sul Lungoliri. Nella notte tra mercoledì e ieri un albero è caduto sulla strada a Schito-Broccostella; caso analogo anche a Pescosolido e in zona Selva a Sora, dove ieri pomeriggio sono intervenuti i volontaridella protezione civile.

Il vento ha divelto anche lamiere e coperture; inoltre si è verificato l'incendio di una canna fumaria. Purtroppo, nuovi danni alla copertura della piscina "Sportfly" di Sora dopo quelli di martedì sera. Al lavoro gli operai del Comune che ieri mattina hanno tagliato i rami caduti dal grosso albero vicino alla chiesa di Santa Restituta, in piazza Alberto La Rocca. In diverse zone della città si sono registrati black out elettrici.

Sulla strada provinciale che da Picinisco porta a Prati di Mezzo sono caduti alcuni pali della linea telefonica: le contrade Fontitune e Valleporcina sono rimaste isolate dal segnale. Ieri a Settefrati le scuole sono state chiuse per l'abbondante neve caduta. L'Astral ha attivato una serie di operazioni per prevenire la formazione del ghiaccio su diverse strade. L'Azienda strade Lazio ha inoltre comunicato che una bufera di neve si è abbattuta nella notte tra mercoledì e giovedì sulla regionale 509 di Forca d'Acero.