Si spaccia per un dipendente della Camera dei Deputati e si fa consegnare soldi da un uomo per finte aste giudiziarie per l'acquisto di auto. La vittima del raggiro, accortasi di essere stata truffata, lo denuncia.

I fatti
Nel pomeriggio di ieri a Veroli, i militari della locale Stazione al termine di un'articolata attività investigativa, avviata lo scorso mese di dicembre a seguito di una denuncia sporta da un 32enne del luogo, hanno denunciato per "truffa" un 46enne residente nella provincia di Alessandria, (già censito per reati contro la persona ed il patrimonio).

Le indagini effettuate dai carabinieri hanno permesso di raccogliere elementi di colpevolezza a carico dell'uomo il quale, spacciandosi come dipendente della Camera dei Deputati e vantando pertanto di avere un accesso privilegiato alle aste giudiziarie per l'acquisto di auto, con inganni e raggiri è riuscito a truffare la vittima facendosi versare, tramite vaglia postale, la somma di 999 euro. Il truffatore aveva fatto credere al denunciante che con la somma sarebbe servita  per assicurarsi la vincita di alcune aste. Ma il raggiro è stato presto scoperto e il 46enne denunciato.