Costretti a stare svegli di notte per vegliare sulle proprie abitazioni e per prevenire le incursioni dei ladri nelle case. È quanto sta accadendo in questi giorni in via degli Ulivi, una traversa di viale dell'America Latina, non molto lontana dalla scuola "Ignazio De Luca", le cui abitazioni sono state di recente oggetto di raid da parte dei ladri. In alcuni i casi i colpi sono andati a segno, in altri, invece, i tentativi sono andati a vuoto, non essendo i malviventi riusciti a penetrare, per ragioni diverse, all'interno delle case e ad arraffare quanto capitasse loro sotto mano.

I residenti sono esasperati, tanto che sta per partire una raccolta firme, da consegnare, poi, alle autorità competenti, per chiedere più controlli e maggiore sicurezza. Qualcuno si sta cautelando con dispositivi di allarme e grate alle finestre, ma ciò che tutti sollecitano è qualche occhio vigile in più sulla zona.

«È una situazione che sta diventando insostenibile - hanno detto alcuni residenti - Non possiamo vivere nell'angoscia che qualcuno entri nottetempo nelle nostre case per rubare, magari anche con il pericolo di venire malmenati da gente chiaramente senza scrupoli. Chiediamo semplicemente di sentirci più sicuri all'interno delle nostre case. Crediamo sia una legittima aspettativa». I residenti chiedono passaggi più frequenti delle forze dell'ordine e anche più telecamere.

Una situazione che fa il paio con quella già segnalata di via Forcella e di via Pignatelle. Dai primi di gennaio tutta la zona è in allarme, mentre a dicembre era successa la stessa cosa sull'altro versante, quello al confine tra il capoluogo e Torrice. L'ultimo episodio lunedì sera con un tentativo di intrusione all'interno di un'abitazione dove qualche giorno prima c'era stata un'altra incursione non riuscita. Sul posto sono arrivati i carabinieri, mentre l'allarme da via Forcella scattava anche nella zona delle Pignatelle.

La gente, ormai, si è organizzata con gruppi WhatsApp in cui si passano le informazioni e anche con delle "battute di caccia" ogni qualvolta scatta un allarme per poter finalmente stanare i ladri.