Questo pomeriggio, nella piazza Municipio di Arpino, si sono tenuti i funerali del Luogotenente in congedo Francesco Sangiovanni, già Comandante della Stazione Carabinieri di Arpino per circa 26 anni, dall'agosto 1991 all'aprile del 2017, quando aveva lasciato il servizio attivo soltanto per sopraggiunti limiti d'età.

Ad onorarne la memoria, stringendosi intorno ai suoi cari, molti cittadini arpinati e di Santopadre, l'avvocato Rea, primo cittadino di Arpino, tutti i Comandanti dei reparti della Compagnia Carabinieri di Sora e molti militari, nonché una folta rappresentanza della Guardia di Finanza.

Toccante il ricordo del fratello, Mons. Gerardo, Cappellano Militare della Guardia di Finanza, che ha voluto sottolineare, qualora ve ne fosse mai stato il bisogno, la bontà d'animo dell'uomo, il suo profondo rispetto per il prossimo, il suo sentirsi intimamente Carabiniere, servitore dello Stato e tutore dei più deboli.

Non si scende nella retorica, nel volerlo definire Maresciallo e uomo d'altri tempi, Cavaliere della Repubblica, all'atto del suo congedo, con una cerimonia solenne, che lo aveva profondamente commosso, in una sala consiliare oltremodo gremita, gli arpinati avevano voluto ringraziarlo per quanto fatto a favore della comunità concedendogli la cittadinanza onoraria.