Sono due i bambini di origine cinese rimasti a casa in questi giorni dopo essere stati nel loro Paese insieme ai genitori. Si tratta di due fratellini, un maschio e una femmina. Una misura precauzionale voluta dagli stessi genitori dei piccoli che hanno preferito non mandare i loro figli a scuola.

I bambini stanno bene e non accusano alcun sintomo influenzale, I genitori hanno deciso di non mandarli a scuola a scopo precauzionale come pure il padre e la madre. La coppia cinese, che gestisce un'attività commerciale in città, ha comunque deciso di evitare ogni possibile problema tenendo a casa i loro figli per un paio di settimane ancora.

LEGGI QUI: CORONAVIRUS, PAURA ANCHE IN CIOCIARIA. PSICOSI A SCUOLA

Intanto i genitori degli altri alunni che frequentano la scuola precisano che non hanno inscenato alcuna protesta e non hanno chiesto alla dirigente scolastica di impedire il loro accesso a scuola a scopo precauzionale. Ieri la preside dell'istituto avrebbe incontrato i rappresentanti delle famiglie per chiarire la vicenda. Dall'incontro sarebbe emerso un quadro rassicurante. Nessun allarme, dunque, e animi più sereni.