Via Araietta è ormai una discarica a cielo aperto. Una triste realtà a cui la strada, in località Colli, è ormai abituata vista l'usanza di sversare di tutto in questa zona di campagna.
Ma i cittadini non ci stanno e continuano a portare all'attenzione gli episodi, vecchi e nuovi.

Foto sconfortati quelle diffuse negli ultimi giorni dai residenti tramite piattaforme social per denunciare su pubblica piazza il fatto, calamitando lo sdegno di tutta la comunità.
Impazzano i commenti sotto i post, con diverse proposte avanzate dai cittadini stessi. La più frequente è l'installazione di fototrappole, deterrente a basso costo, per scoraggiare questi presunti furbetti e quindi poterli punire con salate sanzioni pecuniarie.

I residenti hanno provveduto a segnalare a più riprese negli anni i diversi episodi di sversamento, sia alle autorità competenti sia agli amministratori. Nonostante le diverse notifiche di illecito, la zona non ha mai beneficiato di azioni di bonifica volte a migliorare in via definitiva lo stato di salute dell'area.

Lo scenario che si para davanti agli abitanti che ogni giorno percorrono Via Arietta per arrivare a casa, è un insulto al decoro: pneumatici, vecchi elettrodomestici arrugginiti, materiale di scarto edile oltre agli immancabili sacchi dell'immondizia. A questa discarica abusiva se ne aggiunge anche un'altra, lasciata alla mercé dell'abbandono selvaggio sempre in zona Colli, situata lungo la strada che si collega ad una centrale elettrica.

Alcuni avanzano l'ipotesi che tra i vari rifiuti qui lasciati ci sia anche dell'amianto, elemento che alzerebbe di molto l'asticella della pericolosità e inquinamento del terreno. Anche questa zona è stata segnalata a dovere, l'ultima istanza risale alla scorsa primavera.