Maltrattamenti nei confronti della moglie. Maltrattamenti avvenuti anche davanti ai figli minori. Sono i fatti che vengono contestati a un quarantaquattrenne di Castro dei Volsci. Chiuse le indagini. I fatti risalgono al 2015-2019. Sono stati ascoltati dalla polizia anche diversi testimoni.

Stando alle accuse l'uomo ha compiuto diversi atti violenti in danno della moglie. In un episodio l'ha strattonata e spintonata perché non gli aveva preparato gli abiti da lavoro.
In un altro caso il quarantaquattrenne l'ha afferrata alla gola perché lo aveva rimproverato di aver preso i risparmi di uno dei loro figli. Colpita con pugni e schiaffi, chiusa in bagno, invece, durante un altro caso di violenza. Ed ancora afferrata per i capelli e sbattuta a terra. L'uomo le aveva rotto anche il telefono e l'aveva offesa davanti ai figli.

Sempre stando alle accuse il quarantaquattrenne, controllandole il telefono, le aveva imposto di chiudere tutti gli acconti dei social network. Il marito alternava anche messaggi di pentimento ad accuse di relazioni extraconiugali. Le ha provocato anche una frattura nasale e diverse lesioni al collo e agli arti inferiori tanto da dover fare ricorso alle cure dei dottori dell'ospedale "Fabrizio Spaziani" di Frosinone. I medici riscontrarono alla donna venti giorni di prognosi. L'uomo è difeso dall'avvocato Antonio Ceccani.l