"Ci vuole un fiore". Sulle note di questa canzone siamo stati accolti ieri dagli studenti dell'istituto comprensivo di Arce. Un istituto molto attento alle tematiche ambientali, a far capire alle future generazioni quanto sia importante il rispetto del territorio, della natura.
E sono diverse le attività che vedono protagonisti i bambini, coinvolti dalle insegnanti in un percorso dedicato proprio a sensibilizzare i bambini verso il rispetto dell'ambiente.

E gli studenti, anche durante la diretta Facebook sulla pagina di Ciociaria Oggi, ci hanno dimostrato di aver ben compreso gli insegnamenti e le finalità dei tanti progetti a cui tiene molto anche la dirigente scolastica, la professoressa Nunzia Milite. La dirigente e il corpo docente, per il secondo anno consecutivo hanno inserito nella loro progettualità l'album dei tesori della natura.

Un istituto, come detto, quello del comprensivo di Arce che annovera, oltre agli innumerevoli progetti, anche molti sull'ambiente. Progetti trasversali rivolti, appunto, a tutti i gradi della scuola con l'intento di far conoscere ai bambini il territorio in cui vivono e imparare a tutelare l'ambiente. E protagonisti della diretta Facebook di ieri proprio gli alunni non solo di Arce ma anche di Strangolagalli, che con disegni, citazioni, poesie, riflessioni, hanno portato all'attenzione di tutti il lavoro svolto con le insegnanti in classe, attraverso la lettura dei quotidiani per informarsi sulle notizie riguardanti l'ambiente. Protagonisti anche di eventi promossi dai Comuni di Arce e Strangolagalli con attività "plastic free".

Gli alunni hanno anche scelto, studiando l'album dei tesori della natura, i luoghi da visitare con le loro famiglie, comprendendo le innumerevoli ricchezze che offre la nostra terra ciociara e i luoghi preziosi da tutelare. E saranno diverse anche le uscite didattiche proprio per ammirare da vicino alcune bellezze naturalistiche studiate attraverso l'album dei tesori.

Un istituto tra l'altro, aperto al territorio con la sinergia non solo degli enti ma anche delle associazioni culturali che promuovono concorsi e attività che li vedono protagonisti proprio in materia ambientale. Il comprensivo di Arce è aperto anche alla comunicazione, ai nuovi metodi per stimolare le competenze di cui dispongono gli insegnanti per fare in modo da trasmetterle ancora di più ai loro alunni. La scuola si è affidata per questo a un consulente esterno, Giuseppe Sferrazzo.