Era inevitabile e anche annunciata la protesta di alcuni cittadini e proprietari di auto in merito all'ordinanza del sindaco Morini sui provvedimenti emessi per garantire la qualità dell'aria. La decisione, che rientra nei parametri previsti dalla legge sulla specifica materia, entrata in vigore lunedì durerà fino al 31 marzo (prevederà tra l'altro anche quattro domeniche ecologiche nelle giornate del 9 febbraio, 1, 15 e 29 marzo) e annuncia numerosi divieti a cui i cittadini dovranno attenersi.

Tra questi a destare una forte critica c'è quello dello stop alla circolazione per i veicoli Euro 3 diesel e Euro 3 a benzina dal lunedì al venerdì. Divieti aventi come orario il divieto alla circolazione in due lunghe fasce orarie (9-13-16-19).

Si tratta di tipi di auto molto comuni che sono in possesso di tantissime famiglie e che quindi si trovano in difficoltà non avendo alternative per circolare. Inoltre altra polemica è stata che la decisione non è stata comunicata in tempo e quindi visto che molti non ne sono a conoscenza rischiano multe salate. Da questo punto di vista il comando della polizia locale fa sapere che in questa settimana effettuerà un'opera di informazione per sensibilizzare la cittadinanza. Poi però scatteranno i controlli e quindi le eventuali multe.

Ma la decisione non mancherà di suscitare altre critiche soprattutto da chi avendo solo questi modelli d'auto rischierà di essere sanzionato. Insomma fino al 31 marzo occhio nel circolare in questi orari. Un provvedimento che divide.