La stretta delle polveri sottili continua a strangolare la città di Ceccano: 119 microgrammi per metro cubo la media della concentrazione di Pm10 nei primi ventiquattro giorni dell'anno. Gli sforamenti sono avvenuti per ventiquattro giorni su venticinque. L'ultimo dato Arpa, quello di sabato 25 gennaio, registra 100 microgrammi per metro cubo di concentrazione delle Pm10: è il dato più alto della provincia.

Dati sempre più preoccupanti che si tenta di arginare con i provvedimenti per il risanamento dell'aria in cui rientrano anche le domeniche ecologiche. E proprio ieri a Ceccano c'è stato, dopo quello del 19 gennaio e nonostante la pioggia,il secondo blocco totale del traffico. Le altre due domeniche saranno quelle del 16 febbraio e del 15 marzo.

Ricordiamo che la limitazione del traffico nell'area urbana è circoscritta alle vie: Dante Schietroma, Fabrateria Vetus, Anime Sante, Giacomo Matteotti, Gaeta, Bretella Itc-nuovo ponte ex Cartiera Savoni, Sottopasso FF.SS., San Francesco, Bretella Colle Antico, vicolo Borgo Berardi, Per Frosinone.
Dalla polizia municipale fanno sapere che non sono state elevate multe, grazie al fatto che i varchi sono tutti presidiati sia dai vigili sia dai volontari che hanno impedito alle auto di entrare. Sono passate solo le auto elettriche, quelle munite di tesserino disabili o le auto con urgenze dovute a motivi di salute.

Durante la scorsa settimana, sempre dalla polizia municipale fanno sapere che a seguito del controllo dei veicoli con targa pari o dispari ed Euro sono state elevate una ventina di sanzioni. Il divieto di circolazione a targhe alterne per i veicoli a combustione interna a uso privato nei giorni di lunedì riguarda le targhe dispari e i venerdì le pari (9-13 e 14.30-22.30).
Sono state anche elevate, sempre la scorsa settimana, quattro sanzioni per l'accensione di fuochi all'aperto.