Rendere la biblioteca un luogo d'interesse, appetibile, coinvolgendo giovani e non, tramite miglioramenti strutturali e un incremento del patrimonio in dotazione, con laboratori e attività di intrattenimento culturale. Questo l'obiettivo dichiarato dell'amministrazione bovillense per il 2020.

«Il finanziamento nasce da un bando regionale al quale abbiamo risposto sulla valorizzazione dei luoghi della cultura del Lazio ed è per questo che abbiamo scelto la biblioteca come luogo di cultura inserito e riconosciuto nei sistemi culturali della regione, ovvero il sistema interbibliotecario della Valle del Sacco - spiega l'assessore Anna Maria Fratarcangeli - I lavori si divideranno in due parti: la prima dedicata alla ristrutturazione, ai lavori edili e quindi all'ampliamento della biblioteca, si provvederà infatti ad annettere ai locali di consultazione anche il piano superiore, oggi in disuso e quindi recuperabile; la seconda parte sarà destinata all'implementazione culturale, in particolare alla musica popolare poiché l'obiettivo è costituire un sistema culturale integrato territoriale d'intesa con altre realtà. È previsto pertanto l'acquisto di nuovi materiali multimediali, tecnologici e tutto ciò che servirà a rendere ancora più accogliente e fruibile la nostra biblioteca».

«Da assessore alla cultura - aggiunge Anna Maria Fratarcangeli - non posso che essere orgogliosa della partenza di questo progetto che si propone di ampliare, specializzare e modernizzare l'offerta culturale della nostra biblioteca comunale attraverso la valorizzazione del patrimonio musicale tradizionale, già protagonista nel nostro comune con la rassegna "BovillEtnica"».
Una risorsa spesso poco conosciuta quella della biblioteca comunale, che permette non solo la consultazione di testi, ma anche la fruizione delle sale, il prestito interbibliotecario e intersistemico anche per materiale di studio. Accessibilità garantita e totale alle risorse culturali, a disposizione della cittadinanza senza costi.