Paese che vai ordinanza che trovi. In questo inizio di 2020 con le polveri sottili alle stelle e con valori di gran lunga superiori rispetto all'inizio del 2019, ogni città sta andando in ordine sparso. In Ciociaria come nel resto d'Italia.

Lo stesso vale per le domeniche ecologiche come pure per le misure emergenziali quali lo stop anche ai veicoli di ultima generazione. E infatti, Roma ha fermato i diesel Euro 6, Torino gli Euro 5, Milano e Venezia gli Euro 4, Firenze gli Euro 3. Per non parlare delle limitazioni ai veicoli a benzina. Resta il fatto di chi è deputato a controllare e ad elevare le multe ai trasgressori (non a caso, domenica, a Frosinone, durante il blocco del traffico, non sono mancate le polemiche per le troppe auto in circolazione, anche nel centro storico, e le zero contravvenzioni elevate).

Frosinone, invece, oltre a disporre le domeniche ecologiche, due giornate di targhe alterne il lunedì e il mercoledì ha stabilito il divieto assoluto di circolazione all'interno della ztl delle auto a benzina fino a euro 2 e a diesel fino a euro 3 dall'11 novembre 2019 al 31 marzo 2020. Quanto alle domeniche ecologiche ne è rimasta un'altra, il 16 febbraio, probabilmente destinata a esser anticipata per la contemporaneità con l'inizio delle manifestazioni per il carnevale (come se il diritto alla salute fosse subordinato a quello a divertirsi).

Il punto è che, come denunciato dall'associazione dei Medici di famiglia per l'ambiente, nella prima decade del 2020 rispetto all'analogo periodo di dodici mesi prima sono aumentate le ore di esposizione con concentrazioni di pm10 e pm2,5 di molto superiori al limite consentito.

Secondo i dati dell'Arpa nei primi tredici giorni dell'anno Frosinone Scalo, come pure Ceccano e Cassino, ha sforato il limite giornaliero dei 50 microgrammi per metro cubo per il pm10 dodici volte. Lunedì lo Scalo ha registrato un valore di 104, Ceccano di 115 e Cassino di 78. Nei primi dodici giorni dell'anno la media allo Scalo è di 113, a Cassino di 115 e a Ceccano di 123. Per il pm2,5, invece, la media (per legge è fissata a 25 per l'anno) è di 93 a Cassino, 52 a Ferentino e 46 a viale Mazzini.

Dai dati dei medici di famiglia, infine, in corso Lazio la media del pm10, aggiornata a ieri sera, è di 129 con una punta di 205 il 4 gennaio, in via Puccini di 137 (e un massimo di 238), alla villa comunale di 140 (e di 216 di picco) e a Madonna della Neve di 138 (e un top di 208).