Una condanna e due assoluzioni per l'aggressione subita da una gruppo di giovani quasi nove anni fa nel centro di Isola del Liri. Ricorreva la "Giornata della memoria" del 2011: a entrare in contatto furono un gruppo di giovani di destra di Sora e altri giovani appena usciti dal Cinemateatro di Isola dopo aver assistito alla proiezione del film "Il ragazzo dal pigiama a righe".

Francesco Barra, oggi ventinovenne, colpì con un taglierino al volto Giulio Fava, che oggi ha trent'anni, procurandogli un profondo taglio. Poi cadde in terra, colpito lui stesso al capo. Fu subito soccorso e trasportato in un ospedale romano in gravi condizioni. I medici riuscirono a evitare il peggio e dopo le cure del caso il giovane venne dimesso.

I due finirono a processo dinanzi al tribunale di Cassino insieme a un altro giovane, Leandro Pantano, anche lui oggi trentenne, accusato a sua volta di aver colpito Francesco Barra. Ieri il giudice Tavolieri ha condannato Francesco Barra alla pena di cinque mesi di reclusione, mentre ha mandato assolti Giulio Fava, assistito dall'avvocato Fabio Vicano, e Leandro Pantano, difeso dall'avvocato Lucio Marziale.