«Gli auguri per il 2020 che l'amministrazione Quadrini ha rivolto agli isolani porta in dote multe da violazioni del codice stradale per 199.000 euro». È così che il consigliere di minoranza Antonella Di Pucchio riapre il dibattito sulle contravvenzioni, accusando l'amministrazione di aver calcato la mano sulle sanzioni per far fronte ai problemi di bilancio.

«I Quadrini si sono superati - afferma la Di Pucchio - con una previsione d'entrata raddoppiata rispetto al 2019: ben 2076 verbali elevati. Si raschia il fondo del barile: negli anni, lo stesso revisore dei conti ha sottolineato una capacità di riscossione del Comune pari solo al 24% perché la maggior parte delle contravvenzioni non vengono pagate per impossibilità o vizi di forma.

Una manovra tutt'altro che normale che basa le proprie fortune sulla vessazione dei cittadini, in netta controtendenza rispetto alla vocazione di centrosinistra tanto declamata dai Quadrini. Ma ciò che è peggio è che ci troviamo con previsioni di bilancio farlocche, data l'incapacità d'incassare certificata dal revisore. Intanto, si sta spendendo e allargando il buco di bilancio.

Motivo per cui, proprio in questi giorni, stanno rinegoziando i mutui e hanno già avviato azioni opache per far quadrare i conti, come accaduto per i 65.000 euro destinati ai bambini».