Ventotto nuovi posti letto grazie a potenziamenti dei servizi che si avvieranno a partire dai prossimi giorni al San Benedetto e nell'arco del 2020. Altra novità, quella più imminente, è che già a partire dai prossimi giorni arriveranno sei nuovi medici. C'era grande attesa per la conferenza stampa di ieri in merito alle prospettive di crescita dell'ospedale "San Benedetto" e per avere risposte sul caso Pediatria, servizio entrato in crisi per la mancanza di medici. E ieri le risposte sono arrivate su entrambi i fronti.

A comunicare le novità nell'affollato incontro al quarto piano del Palazzo Conti Gentili (attuale sala consiliare), dove sono stati presenti anche molti operatori sanitari e esponenti politici dei vari schieramenti, è stato direttamente il direttore generale dell'Asl di Frosinone Stefano Lorusso, il presidente del consiglio regionale Mauro Buschini, il sindaco Giuseppe Morini e numerosi amministrativi e tecnici dell'azienda Asl di Frosinone.

Gli interventi
Ha aperto la conferenza il sindaco Giuseppe Morini che dopo aver ringraziato il direttore generale dell'Asl e la Regione Lazio ha ricordato l'importanza della struttura sanitaria per il territorio e la grande passione di chi vi opera quotidianamente. «Un valore aggiunto di cui tenere conto», ha specificato in più di una occasione. «Occorre lavorare insieme per garantire una sanità per tutti e mettere fine a quella mobilità passiva che troppo spesso riguarda i nostri cittadini. Il nuovo manager ci sta mettendo la faccia e lo ringrazio come ringrazio Buschini per la continua vicinanza».

Il direttore generale Stefano Lorusso è stato chiaro. «Stiamo lavorando ad una sanità del futuro che punta ad avere sempre meno ricoveri con l'obiettivo di dare risposte alle esigenze degli utenti. Il presidio di Alatri ha queste opportunità sia sul fronte chirurgico che su quello medico».

Il manager è entrato così nel contesto dei numeri ricordando che il solo Day Surgery quest'anno chiuderà con un numero record di interventi, ben 3400 rispetto ai 2500 del 2016, che in sintesi vuol dire risposte agli utenti e economia aziendale. Dopo i dati che sono stati snocciolati dai medici Apice e Spaziani, in crescita nei vari servizi, Stefano Lorusso ha specificato nel dettaglio le novità. «Tra tre giorni prenderanno servizio sei medici. Si tratta di risorse importanti che consentiranno, oltre ad una migliore gestione dei reparti, l'attivazione dei primi nuovi dieci posti letto».

Poi nell'arco dei prossimi mesi saranno attivati altri diciotto posti letto a seguito dell'avvio di nuovi progetti a favore dell'utenza. Ha chiuso gli interventi il presidente del consiglio regionale Mauro Buschini che, oltre a ringraziare i presenti e sottolineato il lavoro che si sta portando avanti in questi anni per il rilancio della sanità e del presidio alatrense, ha voluto subito dare la buona notizia per Pediatria. «Questo reparto non chiuderà, proprio in questi giorni è stata firmata la delibera per avviare un concorso a tempo indeterminato e dare così stabilità al servizio».

Nel frattempo trovata una soluzione per garantire la continuità del primario servizio. «Dobbiamo essere soddisfatti - ha concluso Buschini - superate le criticità del passato stiamo dando una svolta sia sul fronte dell'offerta sanitaria che su quella della modernizzazione. Oltre al potenziamento dei posti letto e medici, fatto questo in controtendenza rispetto al passato». Un 2020 che per la struttura sanitaria si prospetta nel segno della crescita.