Il sindaco Enzo Salera con apposita ordinanza ha vietato l'utilizzo di fuochi pirotecnici a partire dalle 20 del 31 dicembre alle 7 del primo gennaio. Spiega il primo cittadino.
«Rilevato che il Comune è responsabile della vigilanza sull'osservanza delle leggi e dei regolamenti generali e locali, relativi alla protezione degli animali presenti sul proprio territorio; che negli anni a nulla sono valse le innumerevoli campagne mediatiche e gli appelli pubblici volti a disciplinare un uso responsabile di ordigni e prodotti pirotecnici; che la cronaca degli ultimi anni ha messo in evidenza che la maggior parte degli incidenti con fuochi pirotecnici sono causati da una vendita e utilizzo illegale di tali prodotti e che per converso occorre salvaguardare gli spettacoli pirotecnici autorizzati, il sindaco ordina: il divieto di utilizzo dei fuochi pirotecnici nei luoghi privati senza autorizzazione nella notte di Capodanno; il divieto di vendita ai minori di 14 anni, il divieto per tutti coloro che hanno la disponibilità di aree private, finestre, balconi, lastrici solari di consentire a chicchessia l'uso di dette aree private per la effettuazione degli spari».

Intanto, sempre a proposito di sicurezza e di salvaguardia dell'ambiente, si registra l'ennesimo sforamento delle Pm10: nella giornata di venerdì si è toccato il picco di 93 e sono stati ben 56 i giorni di sforamento dall'inizio dell'anno. Un anno che ormai volge al termine e si prevede che saranno oltre 60, alla fine del 2019, i giorni di sforamento delle polveri sottili: dieci in più del limite massimo consentito dalla legge (56). Questo significa che si dovranno presto adottare delle misure anti-inquinamento e non si escludono provvedimento come le targhe alterne o il blocco del traffico nei mesi invernali di gennaio e febbraio.