Ancora segnalazioni di automobilisti che nel buio si trovano un ciclista, non si sa se uomo o donna, che senza alcuno strumento di segnalazione visivo o luminoso pedala sulle strade tra Atina e Villa Latina incurante del pericolo che crea per sé e per gli altri. L'ultimo avvistamento due sere fa lungo la regionale 627, subito postato sui social per mettere in guardia chi percorre quelle strade in questi giorni di festa. Una signora di Picinisco che stava tornando a casa è riuscita a schivarlo all'ulti mo momento prendendosi un bello spavento: «Con molta fortuna ho evitato di travolgere un ciclista che da Atina inferiore andava in direzione Villa Latina:nel buioera quasi invisibile», scrive sul suo post aggiungendo i dettagli dell'in contro. «Non una luce, non un giubbetto catarifrangente che aiutassero l'automobilista a rendersi conto dell'ostacolo. Mi sono spaventata per il rischio corso: in un attimo avrei potuto rovinare due esistenze, la sua e la mia».

La signora chiude poi la sua testimonianza con un appello alle autorità preposte: «Può per favore chi di competenza vigilare e sanzionare prima che accadano tragedie irreparabili e si sia accusati di omicidio stradale per colpa di irresponsabili?». Una domanda che deve trovare immediato riscontro perché il o la ciclista in questione sembra non rendersi conto del pericolo che crea; altri testimoni raccontano di averlo incrociato a piedi che spingeva la bicicletta. Gli avvistamenti lo danno in viaggio tra Atina superiore e la parte bassa o verso la contrada di Capo di China o, come nell'ultimo caso, tra Atina e Villa Latina. E a detti di alcuni «la storia si ripete ogni sera».