"Welcome to Italy", ora si attendono le mosse degli indagati finiti ai domiciliari per l'aggravamento della misura: l'ex sindaco Bruno Scittarelli, Katia Risi, Paolo Aristipini e Luca Imondi. Secondo quanto accertato dalla Squadra Informativa del Commissariato di Cassino - agli ordini del vice questore Mascia - e dagli uomini della Fiamme gialle del colonnello Salvatore Rapuano, del Gruppo di Cassino, i quattro avrebbero violato la misura interdittiva che vietava loro l'attività imprenditoriale per un anno.

Una misura che aveva riguardato 11 dei 25 indagati finiti nell'inchiesta sull'accoglienza aperta dalla procura di Cassino. Il pm Alfredo Mattei che ha delegato polizia e finanza dei complessi accertamenti, avrebbe portato alla luce una presunta mala gestione dell'accoglienza, con fondi destinati a vestire, nutrire e istruire i richiedenti asilo destinati - secondo le accuse - a ben altre attività. In queste ore i quattro potrebbero già essere sottoposti a interrogatorio: si attende di conoscere la loro verità. Il pool difensivo - gli avvocati Salera, Prencipe, Di Vizio e Sgambato - si prepara.