Riconsegnata ieri ai familiari la salma di Sosio Celli, padre dell'ex sindaco di Ripi, Gianni. I funerali saranno officiati nella mattinata di domani (sabato 21 dicembre), alle 10.30, nella chiesa San Salvatore. Saranno gli esiti dell'autopsia, effettuata mercoledì scorso, a chiarire se ci sia una correlazione tra il decesso e il pranzo "incriminato" organizzato domenica scorsa dal Comune per gli over ses-
santa.

Un pranzo finito anche alla ribalta della cronaca nazionale per i malori che hanno accusato numerosi commensali e per la sospetta morte dell'anziano deceduto lunedì. La famiglia Celli ha presentato denuncia per quanto accaduto e si è affidata all'avvocato Roberto Viri. Nominato come perito di parte il professor Costantino Ciallella, patologo forense dell'università La Sapienza di Roma e consulente nel processo Cucchi.

Decine di intossicati e una morte sospetta LEGGI QUI

I sigilli
Il menù del pranzo (10,56 euro a persona) è stato affidato alla ditta "Il Panozzo" di Ripi, che si è aggiudicata la gara. Ditta che è autorizzata all'esercizio di somministrazione di alimenti e bevande e che si è poi "appoggiata" al forno di Strangolagalli abilitato per il catering. Da chiarire se entrambe le attività abbiano ottemperato a tutti gli obblighi di sicurezza e igiene previsti dalla legge.

Sotto accusa cannelloni, besciamella e arista LEGGI QUI
La titolare del forno minaccia di buttarsi LEGGI QUI

Per entrambe le attività sono scattati i sigilli. I titolari del panificio di Strangolagalli hanno violato i sigilli e sono stati scoperti dai carabinieri. I due, un uomo e una donna, alla vista dei militari hanno tentato di fuggire e la signora ha minacciato di lanciarsi in una scarpata. Per loro è scattata la denuncia per violazione dei sigilli.

Il Comune si difende: rispettate tutte le regole LEGGI QUI

Gli accertamenti della Asl
I medici della Asl continuano gli accertamenti per risalire alla causa che ha provocato dissenteria, crampi e nausea soprattutto ad anziani. All'assessorato ai Servizi sociali è stato chiesto l'elenco dei commensali. Una lista di 320 persone tra anziani, amministratori e dipendenti comunali. Si stanno ascoltando, sia telefonicamente sia con il "porta a porta", diverse persone che hanno partecipato al pranzo domenica scorsa. Da stabilire l'alimento, la tracciabilità, se preparato in casa o se si tratta di un lotto in commercio. In tal caso andrà emanata una nota di allerta in tutte le regioni italiane.

Le denunce
Due le denunce presentate. Una dall'ex sindaco Gianni Celli per la morte del padre Sosio e l'altra dalla figlia di un settantottenne tra i ricoverati all'ospedale di Frosinone.