Inchiesta patenti sequestrate, sono nove le autoscuole a cui sono stati messi i sigilli tra il Casertano e il Lazio meridionale, tra queste una si trova a Cassino. Le attività sono state sottoposte a sequestro dalla Polizia nell'ambito dell'indagine sulle patenti di guida acquistate con tangenti che ha portato, il 13 settembre scorso, a 13 arresti.

Dalle indagini, coordinate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere e condotte da Squadra Mobile e Digos della Questura di Caserta, è emersa l'esistenza di un sistema di tangenti imperniato sull'ex direttore della Motorizzazione Civile di Caserta, Gaetano Aurilio, e sul titolare di una scuola guida di Marcianise, Silvestro Ferraro, entrambi arrestati.

I due - secondo l'accusa - avrebbero intascato il denaro versato dalle persone che dovevano conseguire il titolo di guida, trattenendone una parte per sé, e utilizzando il resto per pagare tangenti ad altri funzionari della Motorizzazione che presiedevano agli esami.

Questi ultimi dovevano garantire la buona riuscita della prova, ovvero truccarla, omettendo controlli sull'identità dei candidati o alterando i verbali di esame. I titolari delle autoscuole dirottavano inoltre i candidati che avevano versato la tangente verso sessioni di esami più facili, dove vi erano commissioni esaminatrici formate dai funzionari compiacenti. Chi pagava di più - è emerso - riceveva un trattamento migliore dall'organizzazione.