Un lunedì da ricordare per il salasso. Domani 150.000 contribuenti ciociari saranno chiamati a versare 40.680.820 euro tra Imu e Tasi (si tratta del saldo 2019, la prima rata è stata versata a giugno, per un totale finale di 81 milionidieuro) conune sborso effettivo pro capite di 82euro (165 euro è il computo totale sull'anno). A fare la parte del leone sarà il Comune di Frosinone con quasi 6 milioni di euro di incasso (11.632.604 nella proiezione annuale), cui seguono Cassino (3,5 milioni, quasi 7 in totale) e Sora (2,5 milioni, poco meno di 5 globalmente). La cenerentola è Terelle nelle cui casse entreranno per la seconda rata circa 16.000 euro. Allargando lo sguardo in Italia sono oltre 25 i milioni di proprietaridi immobili diversi dall'abitazione principale, il 41% sono lavoratori dipendenti e pensionati, dovranno presentarsi alla "cassa" per l'Imu-Tasi. Con il saldo del prossimo 16 dicembre si verseranno 10,3 miliardi di euro: il conto totale, a fine anno, sarà di 20,5 miliardi di euro.

Il dato emerge dal "Rapporto Imu/Tasi 2019", elaborato dal Servizio Politiche Territoriali della Uil. «Il costo medio complessivo dell'Imu/Tasi su una seconda casa, ubicata in un capoluogo di provincia - spiega Ivana Veronese, Segretaria Confederale Uil sarà di 1.070 euro(535 euro da versare conlarata didicembre) con punte di oltre 2.000 euro nelle grandi città». Prendendo in considerazione i costi dell'Imu/Tasisulle prime case cosiddette di lusso (abitazioni signorili, ville e castelli), sempre ubicate in un capoluogo di provincia,il costomediosaràdi 2.610euro annui (1.305 euro per il saldo di dicembre), con punte di oltre 6 mila euro. Chi possiede una seconda pertinenza dell'abitazione principale della stessa categoria catastale (cantine, garage, posti auto, tettoie) verserà l'Imu/Tasi con l'ali quota delle seconde case, con un costo medio annuo di 56 euro (28 euro a saldo), con punte di 110 euro annui.

La media dell'aliquota applicata per le seconde case tra Imu e Tasi ammonta al 10,4 per mille. In molti Comuni (480 municipi di cui 18 città capoluogo di provincia) è in vigore "l'addizio nale Tasi", fino a un massimo dello 0,8 per mille, introdotta per finanziare negli scorsi anni le detrazioni per le abitazioni principali, così da portare in questi Comuni l'aliquota fino all'11,4 per mille. In oltre 234 Comuni, quest'anno, le aliquote sono state riviste al rialzo, tra cui 4città capoluogo di provincia (Torino, La Spezia, Pordenone e Avellino). In particolare, ad Avellino l'aliquota tra Imu e Tasi per le seconde case e altri immobili sale dal 10,5 al 10,6 per mille; a Torino alcune aliquote sono state modificate e, in particolare, l'aliquota sulle case affittate a canone concordato sale dal 5,75 al 7,08 per mille, mentre quella a canone libero dall'8,6 al 9,6 per mille; a La Spezia, sempre sulle case affittate a canone concordato, l'aliquota sale dal 4,6 al6 per mille; a Pordenone, sui negozi sfitti, l'ali quota sale al 10,6 per mille. Di segno opposto le scelte fatte a Firenze, Grosseto, Pavia, Lucca, Taranto, Biella, Vercelli dove le aliquote scendono.

Secondo i risultati del rapporto, al saldo di fine anno, i costi più alti in valore assoluto per una seconda casa di proprietà si registrano a Roma con 2.064 euro medi; Milano, con 2.040 euro; Bologna con 2.038 euro; Genova con 1.775 euro e Torino con 1.745 euro. Valori più "contenuti", invece, ad Asti, con un costo medio di 580 euro; a Gorizia con 582 euro; a Catanzaro con 659 euro; a Crotone con 672 euro e a Sondrio con 674 euro. A Frosinone città il saldo di Imu/Tasi pesa sulle tasche dei contribuenti per 443 euro in media, per un totale proiettato sull'anno di 886 euro; per le prima case di lusso il saldo sta 1.206 euro di media, mentre il totale medio è di 2.411 euro Per una seconda pertinenza della stessa categoria catastale a Roma si pagano mediamente 110 euro annui; a Milano 99 euro ;a Bologna 96euro; a Firenze e Napoli 95 euro. A Frosinone, sempre in ordine alle seconde pertinenze, si pagano 25 euro per una cantina, 89 euro per un box-posto auto con una media di 57 euro.