Luca Secondino è il sindaco dei ragazzi di Cassino. È stato eletto questa mattina nel corso del primo Consiglio comunale ottenendo 7 voti (su 15) e superando così i suoi due concorrenti: Federico Aricò (5 voti) e Luigi Di Sano (3 voti). Secondino frequenta la seconda media della scuola Di Biasio. Il primo circolo con la scuola Di Biasio fa "cappotto" ed ottiene anche la presidenza e vice presidenza del Consiglio. Il presidente del Consiglio è Giulio Lo Mastro: ha ottenuto 5 voti contro i 4 di Nicolò Verrecchia e Olivia Felisia e i 2 di Sara Testa. Il suo vice è Amendola Alessandro: 9 voti contro i 6 di Giorgia Riccardi. Si chiude così il percorso iniziato il 20 novembre - giornata nazionale per i diritti dell'infanzia - con le elezioni del Consiglio. E anche la data di oggi non è stata casuale. Il 10 dicembre è difatti la giornata mondiale dei diritti umani. La data è stata scelta per ricordare la proclamazione da parte dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite della Dichiarazione universaledei diritti umani, il 10 dicembre 1948. Lo ha ricordato l'assessore all'Istruzione Maria Concetta Tamburrini che ha seguito tutto l'iter delle elezioni in collaborazione con le scuole. Attenzione all'ambiente, richiesta di spazi culturali e sportivi in città e maggiore sinergia tra il mondo dei ragazzi e degli adulti al centro dei discorsi di tutti i candidati a sindaco. Il sindaco Salera e il presidente del Consiglio Barbara Di Rollo hanno invitato il Consiglio dei ragazzi a sensibilizzare i giovani sul tema dell'educazione civica. Ora spetterà a loro declinare in iniziative concrete i buoni propositi enunciati. Resteranno in carica due anni. Ma a giugno, coloro che termineranno il ciclo della secondaria di primo grado verranno sostituiti dai primi dei non eletti. Gli studenti delle superiori e dell'Università saranno invece protagonisti, prossimamente, dell'elezione del Consiglio dei giovani. Nel Consiglio dei ragazzi che si è ufficialmente insediato oggi tanti i cognomi famosi: dal sindaco Secondino, nipote dell'ex presidente del Consiglio Dino Secondino al consigliere Cesare Fardelli, figlio dell'ex consigliere regionale Marino Fardelli alla consigliera Lucrezia Ceccarelli figlia dell'ex consigliera comunale Rossella Chiusaroli.