Sono stati accusati di aver pestato un avvocato di Cassino in pieno centro per un debito, oggi l'interrogatorio per padre e figlio. Entrambi, assistiti dagli avvocati Arturo Buongiovanni e Claudio Persichino, sono chiamati a rispondere di un'ipotesi di tentata estorsione aggravata, rapina e lesioni personali nei confronti del legale di 68 anni. In base a quanto accertato dai carabinieri della Compagnia di Cassino,i due avrebbero agito perun recupero crediti.

Più nel dettaglio, per un pignoramento successivo all'emissione di un decreto esecutivo: somme non versate al professionista per circa 15.000 euro accumulate nel tempo, finite poi in tribunale. Poi, nelle prime del mattino dello scorso 6 agosto, la violenza. Il legale avrebbe raggiunto via Tychy con un fotografo per attendere l'arrivo dell'ufficiale giudiziario che, di fatto, era in ritardo.

In quella breve parentesi, calci e pugni dopo aver obbligato l'anziano legale a uscire dalla vettura. Ventisei i giorni di prognosi, successivi al ricovero. Fondamentale, nella ricostruzione dei militari, quanto riferito da alcuni testimoni oculari e il riconoscimento fotografico. Ora è attesa la verità dei due indagati (di 54 e 25 anni) sottoposti a due misure cautelari, una in carcere e l'altra ai domiciliari dop ol'esecuzione delle ordinanze.