A pochi giorni dall'infame scritta contro Danilo Evangelista, un altro brutto episodio di intolleranza e odio colpisce la città di Cassino. Questa volta a restarne vittima è uno dei 35 ausiliari del traffico che deve essere riassunto ora che ripartirà il servizio.

Tiziano Gargano si è visto rispondere, tramite un messaggio WhatsApp, con queste parole: "Non vendiamo gatti ai transessuali". Della vicenda si è interessata anche La Stampa nazionale e Tiziano dalle colonne di Repubblica ha spiegato: "L'ausiliario del traffico con Repubblica commenta così l'episodio subito: "E' assurdo che nel 2019 si venga discriminati per il proprio orientamento sessuale. Io per altro non sono transessuale, sono gay e sono felice. Ho una situazione sentimentale appagante, da tanti anni. Con il mio compagno avevamo deciso che mi avrebbe regalato questo gatto. Evidentemente quando il venditore ha visto la mia foto profilo su WhatsApp, si è indignato, è rimasto sconvolto. E si è mostrato per quello che è".

E in tarda mattinata è giunto il messaggio del sindaco. Salera ha spiegato: "Non possiamo che lanciare, una volta di più il nostro appello che vada contro ogni tipo di discriminazione sessuale, politica, religiosa, razziale, perché vogliamo ricordare con forza che la nostra è una città della pace, la città dell'accoglienza e di una convivenza serena che deve essere unita contro ogni forma di odio e discriminazione. A Tiziano la mia solidarietà personale e di tutta la città di Cassino che rappresento di fronte ad una azione che nulla ha di uno Stato civile".