Un intervento eseguito in diretta mondiale che pone l'ospedale di Cassino e la Asl ai vertici della chirurgia italiana. Tutto è accaduto in occasione del 30esimo congresso di chirurgia dell'apparato digerente, organizzato a Roma dal professor Giorgio Palazzini il 29 novembre 2019 e che ormai rappresenta uno dei più grandi eventi scientifici di chirurgia in diretta a livello mondiale. In particolare, l'équipe chirurgica del Santa Scolastica di Cassino, guidata dal professor Roberto Santoro, è stata invitata a partecipare e a eseguire un intervento di chirurgia oncologica epatica maggiore. L'intervento ha riscosso molto successo e il paziente è già in via di guarigione.

I commenti
«Essere stati coinvolti in un evento di così grande rilevanza a livello nazionale e anche internazionale è stata una grande soddisfazione per tutto l'ospedale oltre che ovviamente mia personale - è stato il commento del professor Roberto Santoro. È soprattutto il risultato di tre anni di grande lavoro dedicato alla chirurgia oncologica per i cittadini di questo territorio che riceve un riconoscimento di alto prestigio dalla comunità scientifica»

Un punto di riferimento
La Uoc di chirurgia generale diretta dal professor Roberto Santoro è ormai diventata un centro di riferimento regionale per la chirurgia oncologica attestandosi tra i primi posti come volume di attività per il trattamento del cancro colorettale. La chirurgia epatica maggiore viene eseguita spesso per metastasi epatiche proprio nel cancro colorettale e solo in pochi centri del nostro Paese.

«Poter proporre questi trattamenti altamente specialistici al Santa Scolastica - sottolinea il Direttore Generale Stefano Lorusso - è una grande opportunità per tutta la provincia. Poter portare le sale operatorie di Cassino in diretta a confrontarsi con gli altri grandi centri italiani ed esteri su interventi di così alta specializzazione e grande complessità è un risultato eccezionale che dimostra che anche in provincia è possibile fornire prestazioni di eccellenza in questo campo».