Intimano l'alt ad un'auto "sospetta" con a bordo quattro persone, ritenute responsabili di furti, ma la macchina, un'Alfa 147, non si ferma. Anzi, il conducente alla vista dei militari accelera e tenta di investirne uno. Per fortuna il carabiniere si accorge della manovra e fa in tempo ad evitare un impatto più violento, riportando solo la lesione dell'anulare sinistro e contusioni varie. I quattro, nel frattempo, riescono a dileguarsi a piedi nel buio della notte facendo perdere le proprie tracce. 

I FATTI
E' accaduto ieri sera alle 20.50 circa quando i militari della compagnia di Pontecorvo, nel corso di specifici servizi tesi a contrastare il fenomeno dei furti e i reati ad esso connessi, intercettavano un'autovettura Alfa 147 in precedenza segnalata come sospetta da un cittadino che aveva telefonato al 112. A  bordo quattro soggetti, presunti autori di furti. Il capo pattuglia, una volta intercettata l'auto sospetta, intimava ai componenti del gruppo di fermarsi, ma gli stessi, per guadagnarsi la fuga, cercavano di investirlo. Il militare, come detto, fortunatamente riportava solo la lesione dell'anulare sinistro e contusioni varie. Da ieri sera  
sono in atto serrate ricerche delle quattro persone che SI sono dileguate a piedi nei pressi del cimitero di Pontecorvo.