I funerali dell'escursionista Antonio Muscedere, morto tragicamente ieri sulla Maiella, si terranno nel pomeriggio di mercoledi alle 14.30 nella chiesa parrocchiale di Broccostella. La salma dell 'uomo arriverà mercoledì stesso alle 11.30. La camera ardente del cinquantacinquenne è allestita presso l'ospedale Santo Spirito di Pescara. La ditta incaricata di eseguire il servizio funebre è la 2Petitta.

Per leggere la ricostruzione dell'incidente CLICCA QUI

La montagna può essere madre e matrigna, come la Maiella che ha "inghiottito" due escursionisti. A morire durante la scalata Antonio Muscedere, cinquantacinquenne di Posta Fibreno e Gianpiero Brasile, cinquantotto anni, originario di Lanciano, in provincia di Chieti. Avrebbe dovuto essere una delle tante escursioni, invece è finita in tragedia.

L'incidente, è avvenuto nel Pescarese, a 2.500 metri d'altezza. I corpi senza vita dei due uomini sono stati recuperati dagli elicotteri dei vigili del fuoco e del 118 dell'Aquila. La salma del postese è stata trasportata all'ospedale di Pescara. Data la posizione "scomoda" per le manovre dei mezzi, una squadra di tecnici del Cnsas, soccorso alpino a piedi, ha supportato nella discesa la parte restante della comitiva.

Il gruppo era formato da sei escursionisti, tutti esperti di montagna che avevano organizzato la giornata tramite i social: i quattro sopravvissuti, due dei quali hanno lanciato immediatamente l'allarme chiamando i soccorsi, seppur in buone condizioni fisiche, sono in stato di shock. Dalle prime indiscrezioni pare che i due uomini siano scivolati su una lastra di ghiaccio precipitando nel vuoto, in un punto non facile della montagna, chiamata Rave del Ferro nel territorio comunale di Sant'Eufemia a Maiella in provincia di Pescara.

Sul posto si sono portati anche i carabinieri delle compagnie di Popoli, Pescara, e quelli Forestali del reparto Maiella. Una notizia improvvisa che ha lasciato sgomenti i suoi concittadini. «Non ci credevamo - ha detto a caldo il sindaco di Posta Fibreno, Adamo Pantano - Tonino è sempre vissuto qui con la sua famiglia e la sua morte getta l'intero paese nello sgomento. Rivolgo, come sindaco, un abbraccio ai suoi cari. Ci mancherà sicuramente la spontaneità e la sua solarità».

A fargli eco le parole del primo cittadino, Domenico Urbano, dove l'uomo svolgeva l'attività di barbiere: «La comunità di Broccostella è sconvolta per questa tragedia perché perde un amico, un riferimento di socializzazione. Perde un sorriso che Tonino non ha mai negato a nessuno - ha aggiunto il sindaco di Broccostella - L'amministrazione e tutti i miei concittadini si stringono attorno al dolore della famiglia di Tonino alla quale rivolgiamo un abbraccio forte di estrema vicinanza». In queste ore in molti aspettano di conoscere la data dei funerali per stringersi attorno al dolore della famiglia che ha perso, in maniera così tragica, il cinquantacinquenne dal sorriso indimenticabile.

di: Enrica Canale Parola