"Abbi cura di me", il libro di Simone Cristicchi e Massimo Orlandi nasconde una sorpresa per la comunità parrocchiale di don Giovanni De Santis. Si legge nel libro: "Una attenzione a parte merita poi l'approdo di "Abbi cura di me" negli ambienti di fede. L'apripista è un giovane parroco, don Giovanni De Ciantis: la domenica successiva al festival, nella chiesa di San Giovanni, a Cassino, spiega la liturgia della parola utilizzando le parole della canzone e poi, alla fine, consegna il testo a tutti i presenti "perché spiega ci sono delle musiche che parlano di Dio senza nominarlo". È solo il primo segnale".

Indimenticabile la celebrazione eucaristica dello scorso 17 febbraio, quando, al termine della messa, don Giovanni stupì tutti consegnando la canzone ai fedeli presenti. «Ricordo quella domenica.... Fu un'emozione grandissima! Grazie Don Giovanni per farci vedere aldilà del nostro naso!» commenta una parrochiana sui social. Questo libro racconta, emoziona, dibatte, provoca, e invita i lettorie ifandell'autoredi "Ti regalerò una rosa" a non dare nulla per scontato e a continuare a camminare: poiché «tutto è così fragile» e siamo «inequilibrio sulla parola "insieme"».

E don Giovanni si è rivolto e si rivolge così alla comunità che guida, un abbraccio e un sorriso, un consiglio e l'ascolto. Con una chiave di lettura e delle proposte che ben intuiscono i bisogni e le necessità di una comunità che fa parte di una società in continuo cambiamento che, però, continua ad avere bisogni primari semplici seppur molto profondi.