Tornano le polemiche sul fenomeno della movida violenta e si fanno, per quanto possibile, ancora più infuocate. La denuncia è partita, come accade di consueto ormai, attraverso i social network: una cittadina, infatti, stanca delle notti insonni per le bravate ogni volta sottovalutate di veri e propri vandali, ha voluto fugare ogni dubbio.

Ha quindi postato un video su Facebook di quella che sarebbe stata un'aggressione tra giovani, che poi si accanirebbero anche sulle auto posteggiate.
Alle urla della donna di finirla, il gruppetto avrebbe innescato anche un diverbio molto colorito. Insomma, si sarebbe trattato di un nuovo episodio di degrado, quello immortalato dalle immagini della residente di via Nobile che, alle 23.33 di sabato notte, attirata alla finestra dalle grida, avrebbe allertato le forze dell'ordine e, semplicemente filmando quanto stesse accadendo davanti ai propri occhi, avrebbe finalmente messo fine almeno all'aggressione, riproponendo così il nodo del sistema di video sorveglianza, di cui la città sente sempre più il bisogno, non solo in centro.

Come spesso accade in rete, davanti ad atti di violenza le immagini sono state bloccate e il post non risulta più disponibile, ma il grido d'allarme è sempre forte e chiaro: i cittadini sono stanchi di essere svegliati nel sonno da urla e schiamazzi, di trovare le proprie auto danneggiate e "servizietti" indecorosi un po' ovunque tra i vicoli del centro storico. Vogliono maggiore controllo e sicurezza per le strade della città. 

Interpellato subito dopo la diffusione del filmato, ieri pomeriggio, il primo cittadino Massimiliano Quadrini ha dichiarato di non avere notizie di quanto accaduto e che nella mattinata di oggi avrebbe approfondito la vicenda.

«Non ho ricevuto telefonate né lamentele da parte dei cittadini e, dopo essermi subito attivato contattando le forze dell'ordine, non è stata riscontrata ancora alcuna denuncia o interventi al riguardo. Non è ancora possibile dunque confermare né smentire nulla, ma sarà mia premura fare chiarezza su cosa è successo domattina stesso (oggi per chi legge, ndr)».

Si è pronunciato sulla vicenda anche il consigliere di "Un' Altra Isola", Gianni Scala, che, dopo aver visionato le immagini, ha tuonato: «Basta con queste prese in giro, la città non è sicura e l'amministrazione che la governa deve mostrare più sensibilità riguardo al tema della sicurezza».