Un allarme destinato a far rumore anche a Roma. È quello che tormenta le nottate dei sorani e non solo di questi. L'ondata di furti nelle abitazioni che ha colpito la città e l'intero comprensorio non accenna ad arrestarsi e il problema sicurezza sulle sponde del Liri arriva fino a Palazzo Madama. A raccogliere il grido d'aiuto dei cittadini è il senatore di FdI Massimo Ruspandini che promette: «Nei prossimi giorni porterò la vicenda sui tavoli istituzionali, chiedendo che venga fatto qualcosa di concreto per mettere fine a questi episodi criminosi che turbano la tranquillità di buona parte del Sud della provincia». Nonostante il lavoro di pattugliamento e controllo del territorio da parte delle forze dell'ordine, i ladri sembrano inarrestabili. E la gente si organizza in ronde improvvisate per perlustrare le zone più colpite. L'ansia da furto in casa cresce e toglie il sonno.

«Innanzitutto voglio mostrare la mia vicinanza al popolo sorano per la situazione che sta vivendo - interviene il senatore Ruspandini -. Purtroppo questi episodi vanno a minare la tranquillità di una comunità che si vede sola e abbandonata.
Persone che si vedono depredate della propria intimità, che si vedono portare via gli oggetti personali, i ricordi di una vita.
Proprio per questo, come obbligo morale nei confronti del mio territorio, nei prossimi giorni porterò la vicenda sui tavoli istituzionali». Ruspandini segue da vicino la cronaca di queste settimane. «Ho avuto modo di raccogliere personalmente le testimonianze di tanti cittadini spiega il parlamentare di FdI e la mia attenzione su questi fatti è notevole grazie anche al contatto continuo con i consiglieri di Fratelli d'Italia di Sora e non solo, che mi tengono informato quotidianamente sugli sviluppi di questa vicenda. Tante sono state le iniziative organizzate dal partito in questi giorni, a dimostrazione di quanto sia alto il nostro senso di appartenenza al territorio».