"Il Paese diventa Presepe": a Castro dei Volsci il noto evento natalizio prende forma tra buone consuetudini e diverse novità. Tutto pronto per la venticinquesima edizione della rassegna sul tema della Natività che accompagnerà i turisti dal 22 dicembre al 6 gennaio in uno scenario unico, in uno dei "Borghi più belli d'Italia". Quest'anno, inoltre, l'amministrazione comunale del sindaco Lombardi ha deciso di accogliere suggerimenti e proposte da parte dei cittadini per rendere l'evento ancor più coinvolgente e al passo con le nuove tendenze, pur nel rispetto della tradizione.

Si parte il 22 dicembre alle 15 con il presepe vivente, mentre alle 16 e 30 nella chiesa di Sant'Oliva sarà possibile assistere al concerto dell'associazione musicale "Licinio Refice" di Patrica. Alle 17 inoltre ci sarà l'arrivo nel borgo della Sacra Famiglia "Sui passi di Maria e Giuseppe". Secondo appuntamento a Santo Stefano, il 26 dicembre, sempre con il presepe vivente dalle 15, mentre il pomeriggio e la sera saranno dedicati alla musica popolare, con le ballate dei briganti, e gli zampognari e le "ciaramelle" di Palomonte. Domenica 29 dicembre, contestualmente alla rappresentazione del presepe, alle ore 17 è previsto, nella chiesa di Santa Maria, "Voci e suoni per un Bambino", un concerto curato dal maestro Maria Rita Rinna e dai ragazzi dell'istituto comprensivo di Castro dei Volsci.

Il primo gennaio, invece, la manifestazione avrà inizio alle 16; si potrà assistere a "Tutti vennero ad adorarlo", il corteo dei pastori che si recano in visita alla Natività. L'ultima occasione per ammirare "il Paese diventa Presepe" sarà il 6 gennaio, giornata di chiusura della rassegna, che si concluderà con il grande spettacolo dell'arrivo dei Re Magi, alle 18, mentre già dalla mattina vi saranno l'arrivo della Befana, per i ragazzi e bambini, ed un pranzo della tradizione in piazza IV novembre. Tutti i giorni inoltre sarà possibile fare un percorso enogastronomico tra le vie del borgo, visite guidate a cura della Pro loco e visitare le botteghe artigianali della Regina Camilla.