Frosinone - ha cercato di evadere dall'ospedale del capoluogo G.V., il ventiseienne di Ferentino arrestato ieri per una serie di furti ai danni di istituti scolastici e attività commerciali, nonché per rapina.

L'uomo, piantonato dai carabinieri presso l'ospedale di Frosinone, ha tentato la fuga ma  è stato immediatamente bloccato dal personale addetto alla sua vigilanza. Il 26enne si trovava, secondo protocollo medico, in osservazione per aver ricevuto una sedazione a causa del suo stato psicofisico alterato dall'abuso di stupefacenti. 

Il giovane che si trovava In una stanza idonea allo scopo, avrebbe simulato un malessere per cui si sarebbe recato spesso nel bagno presente nella stessa camera. I militari, dopo aver sentito un forte rumore, hanno capito che il 26enne aveva rimosso lo specchio del lavandino ed il retrostante pannello della parete in plastica dura. Una volta introdottosi tra l'intercapedine e gli impianti idraulici ed elettrici, sarebbe salito nella controsoffittatura per poi scendere nel bagno attiguo appartenente ad un'altra stanza idonea alla detenzione. Prima di mettere in atto il piano, l'arrestato aveva simulato la sua presenza al letto mettendo dei cuscini sotto le coperte. 

La vigilanza del detenuto sarebbe transitata intorno a mezzanotte ma venendo meno le Misure di sicurezza della camera, l'arrestato è stato dimesso. Per cui sarà tradotto presso la casa circondariale di Frosinone.