Frane e alberi pericolanti: una strada che non fa stare tranquille le mamme. Si tratta della provinciale Valvori-Vallerotonda, percorsa ogni giorno dallo scuolabus che porta i 6 bambini di Valvori dal centro della frazione alla scuola media Capoluogo.

Diverse le insidie raccontate dalle mamme: oltre ai vari cedimenti della carreggiata con diverse frane, ci sono degli alberi sradicati che pendono a ridosso della strada (località strette). Una situazione aggravata dai mutamenti climatici che negli ultimi tempi stanno mettendo a dura prova un territorio, quello di Vallerotonda, già a rischio per la sua conformazione. Per questo le mamme hanno chiamato la Provincia, parlato con l'ufficio tecnico ma a distanza di giorni la situazione non è cambiata.

Si sono recate anche in comune dal sindaco Di Meo per chiedere di deviare il percorso del pullman da Sant'Elia Fiumerapido (tratto più lungo di 30 minuti), cosa non possibile secondo il primo cittadino perché fuori dal territorio comunale. Una situazione sulla quale sono intervenuti anche i consiglieri di minoranza Dino Di Mascio e Gianfranco Verallo che chiedono agli enti coinvolti un sopralluogo congiunto sulla tratta e, soprattutto, al Comune di chiedere la deviazione.

«La legge Regionale trasporti su gomma - scrivono -  permette il passaggio su altri Comuni a porte chiuse ed una richiesta, motivata da uno stato di pericolo, permetterebbe di raggiungere un altro obiettivo, aumentare i chilometri assegnati al trasporto locale, a vantaggio anche degli autisti che oggi vedono sempre più a rischio il proprio posto di lavoro».