Furti a raffica sul territorio comunale: il gruppo "Noi per Ripi" chiede al sindaco Sementilli un vertice d'urgenza sulla sicurezza con il coinvolgimento del maresciallo dei carabinieri, del comandante della polizia locale e lo invita a scrivere al prefetto richiedendo il potenziamento degli uomini in servizio alla locale stazione dei carabinieri.

L'iniziativa nasce appunto dalla constatazione dello stato di emergenza creatosi a seguito dei ripetuti furti effettuati anche in pieno giorno. Obiettivo dei ladri le abitazioni nelle vie Meringo Alto, Cupera, Galoppino e Casa del Medico.

I malviventi entrano nelle case approfittando dell'assenza dei proprietari oppure nelle grandi abitazione dove magari risiedono anziani. Si introducono nelle case nel pomeriggio, frugano ovunque, spesso abili e furtivi entrano nelle camere da letto mentre gli anziani guardano la televisione, cercano oro e denaro e, dopo aver preso un discreto bottino, si allontanano abilmente senza farsi scoprire. I cittadini sono spaventati, non si sentono sicuri e chiedono il potenziamento dei controlli anche con il loro supporto.

«Urge convocare un tavolo di sicurezza - propone il consigliere Roberto Zeppieri - Bisogna coinvolgere tutti i protagonisti del settore e mettere in campo ogni azione utile a contrastare un fenomeno che sta dilagando. Invitiamo inoltre il sindaco e gli amministratori a prolungare l'accensione dell'illuminazione pubblica fino alle prime ore del mattino per garantire maggiore sicurezza. Non si può continuare a vivere nel terrore e rischiare di ritrovarsi in casa malintenzionati che distruggono tutto ciò che si trovano davanti e si appropriano di oro e denaro costati sacrifici ai cittadini».

E conclude: «Occorre garantire una risposta adeguata al dilagare del fenomeno e tutelare i cittadini che non sono più sicuri neppure nelle proprie abitazioni».