C'è chi lavora duramente ed onestamente, paga le tasse o cerca di farlo quando è nella condizione e lotta ogni giorno contro la crisi. Ci sono poi i soliti furbetti del quartiere, quelli che ne pensano una più del diavolo per affrancarsi le tasse scaricandole sulle spalle dei cittadini onesti che per fortuna restano la maggioranza.

Il caso in specie è quello di quanti, in assenza anche di una normativa certa, continuano a sostituirsi all'attività alberghiera tradizionale senza averne i titoli e peggio ancora in nero. Un fenomeno a Fiuggi diffuso e praticato prevalentemente da quanti fittiziamente residenti, con il preciso scopo di far risultare l'immobile fiuggino come prima casa, mentre in realtà per l'intero arco dell'anno risiedono altrove. Molti di loro risultano persino sconosciuti ai ruoli comunali, Tari ecc.. Anche in questi casi scaricando i costi sulle spalle altrui. Nonostante tutto, però, continuano ad affittare anche per brevi periodi i loro immobili a terze persone, soprattutto nei periodi di alta stagione o delle festività.

Federalberghi protesta
Una prassi pare assai diffusa sull'intero stivale, tanto che sul tema è intervenuta FederAlberghi nazionale: «Non si hanno più notizie della banca dati sulle locazioni brevi, nonostante siano passati più di tre mesi dal termine stabilito per l'approvazione del decreto istitutivo (30 luglio 2019), finalizzato a migliorare la qualità dell'offerta turistica, assicurare la tutela del turista e contrastare forme irregolari di ospitalità, anche ai fini fiscali».

«La legge - spiega la più grande associazione degli albergatori in Italia - prevede che tutti gli alloggi turistici presenti nel territorio nazionale debbano essere identificabili mediante un codice che deve essere utilizzato in ogni comunicazione inerente all'offerta».

A nessuno può essere impedito di affittare un appartamento. Se lo affitti però non ci puoi risiedere. Devi comunque dichiararlo anche al fisco oltre che a tutti gli altri enti preposti. Se poi lo affitti più volte nell'arco dello stesso anno per fini turistici, quindi eserciti un'attività borderline, allora la musica cambia. Devi essere autorizzato, dichiarare il tutto e pagare le imposte con gli scaglioni fiscali applicati all'attività esercitata. Un sommerso ed una evasione fiscale nei numeri molto importante.