La mensa scolastica non parte e le famiglie degli alunni tornano a farsi sentire. I genitori sono indignati e continuano ad avere incontri con la dirigente scolastica dell'istituto comprensivo "Marco Tullio Cicerone" sul grave disservizio.

«Il servizio mensa non è mai partito. Ci hanno detto di aspettare. Abbiamo aspettato, ma giovedì scorso una comunicazione ci ha lasciato veramente senza parole: dobbiamo attendere ancora - protesta la mamma di un alunno della scuola d'infanzia - Non solo. Finora i nostri figli terminavano l'orario scolastico tutti i giorni alle 13, sabato compreso. Da lunedì prossimo invece bisogna fare l'orario pomeridiano e quindi o dobbiamo andare a prendere i bambini a scuola tutti i giorni, farli mangiare a casa e riportali in classe oppure fargli mangiare tutti i giorni un panino. Ma che soluzione è questa? Stiamo considerando di trasferire i nostri figli in altre scuole attrezzate per il servizio mensa».

È stata la stessa scuola, con una nota dell 14 novembre, a comunicare: "Preso atto dell'urgenza che induce ad adottare misure organizzative transitorie al fine di preservare l'erogazione del tempo scuola, così come previsto dall'offerta formativa dell'Istituto comprensivo "Cicerone", si comunica che, a far data da lunedì 18 novembre 2019, viene rimodulato l'orario scolastico per gli alunni.

Nelle more dell'attivazione del servizio di refezione scolastica da parte dell'amministrazione comunale, acquisito il parere della Asl di Frosinone, l'Ic "Cicerone" dà disponibilità alle famiglie di richiedere la consumazione del pasto di preparazione domestica nel rispetto delle misure regolative e organizzative adottate dal Consiglio d'istituto consultabili sul sito o di prelevare i propri figli prima della consumazione del pasto e riaccompagnarli a scuola immediatamente prima del riavvio delle attività" .