La comunità di Esperia è sotto choc per la morte di Leandro Caprarelli, l'operaio di trentaquattro anni morto a Malo, in provincia di Vicenza. C'è attesa per il rilascio della salma, la procura del posto ha infatti disposto l'autopsia per capire cosa sia accaduto lunedì mattina all'alba, quando il ragazzo è precipitato giù per cinque metri dal tetto di un capannone nella zona industriale di Malo.

Tanti gli amici ed i conoscenti che appena hanno saputo di quanto accaduto a Leandro hanno offerto sostegno e vicinanza alla famiglia, che risiede in frazione di Monticelli di Esperia.

Centinaia i messaggi che gli amici stanno lasciando sui social, tanta l'amarezza per questa morte improvvisa e prematura che lascia un profondo vuoto nel cuore di chi Leandro lo conosceva bene. Un ragazzo a modo, uno che lavorava senza fermarsi mai, con impegno e passione. Un bravo ragazzo.

Lunedì mattina, come tante altre volte, la giornata era iniziata con un caffè e poi dritti al lavoro. Leandro con i suoi colleghi era sul tetto di un capannone industriale di Malo, in provincia di Vicenza, per un intervento di manutenzione all'impianto fotovoltaico. Poi la terribile caduta e la corsa disperata al Santorso. Dopo 24 ore Leandro non ce l'ha fatta e si è spento.