Il comitato interregionale "Salviamo la ferrovia Avezzano Roccasecca" esprime delusione e rammarico per gli impegni disattesi nei confronti dei pendolari che utilizzano la linea. «A partire dal settembre scorso nessuna delle migliorie proposte è stata implementata protestano il presidente Emilio Cancelli e la sua vice Rosaria Villa I treni sono sempre composti dalle solite automotrici, alla fine della loro vita utile e ormai non più rispondenti alle esigenze di mobilità degli utenti, ed il servizio, con orari immutati da tempo, al netto delle soppressioni degli ultimi anni, spesso non in grado di rispettare le esigenze dell'utenza.

Dall'inizio dell'anno scolastico, in particolare verso Avezzano, quasi tutti i lunedì il treno della mattina che gli studenti prendono per andare a scuola non è passato o è passato con un tale ritardo da costringerli a entrare alla seconda ora. Lunedì scorso invece il treno che avrebbe dovuto riportarli a casa non è proprio partito per un guasto, senza peraltro predisporre un mezzo sostitutivo». Il comitato conclude: «Torneremo a chiedere con forza a Trenitalia e Regione Lazio un tavolo congiunto, oltre che un rinvigorito appoggio da parte di istituzioni e cittadini alla nostra battaglia».