Un inno alla gioia, alla voglia di tornare a vivere. A condividere nuovamente affetti e soprattutto a stimolare chi ha problemi di dipendenze seguendo la loro rinascita. Questo, in sintesi, quanto trasmesso dalle toccanti testimonianze degli ospiti del villaggio Ancda (associazione contro alcolismo e disagio) di Fiuggi.

Alla manifestazione che si è svolta in chiesa e organizzata dalle associazioni "Gesm", "Misericordia" e "Juvenilia" erano presenti oltre gli ospiti della struttura fiuggina, il sindaco Grazioli, il parroco don Alberto e cittadini di Trevi.

Il programma ha previsto testimonianze alternate a video e canzoni scritte da Duilio uno dei pilastri ed uno dei primi ospiti dell'Ancda, ormai ex alcolista. La scaletta è stata portata avanti dal dott. Vito Grazioli artefice, tantissimi anni fa, di questo miracolo sociale.

Dal niente, infatti, è riuscito a costruire a Fiuggi, grazie all'aiuto di tanta brava gente, il villaggio Ancda (oggi non l'unico) dove ospita quanti, e sono tanti, che vogliono uscire dalle dipendenze. Non si contano le persone aiutate, recuperate e tornate alla normalità grazie all'opera meritoria di Grazioli che ha fatto di questo impegno la sua missione. Un grande progetto, un grande uomo a disposizione del prossimo.