Saranno ascoltati già la settimana prossima, probabilmente da lunedì, alcuni dei coinvolti dell'inchiesta "Welcome to Italy". Ancora scosso il territorio per quanto accaduto, anche per l'immagine che l'Italia ha visto dai telegiornali nazionali e dalle trasmissioni di approfondimento. Un'accoglienza "malata" e rapace che ha aperto una ferita infetta e dolorosa, fatta di persone trattate come bestie e altre che conducevano una vita molto più che agiata.

Nelle more delle vicende anche persone che si occupavano direttamente dei contatti con gli ospiti delle strutture. Qualcuno, nel tempo, ha fatto notare alcuni casi estremi, condizioni igieniche non da manuale, necessità quotidiane che non venivano sempre soddisfatte. Ma qualsiasi segnalazione o lamentela veniva stoppata sul nascere. Sono gli operatori a vivere a contatto con chi arriva, alcune volte i ragazzi vengono accompagnati di notte, non hanno mai nulla, a parte quello che indossano. Molti non conoscono la lingua, non riescono a farsi capire o non sanno come farlo. Hanno fame, sete, paura. L'odissea, che per alcuni di loro è iniziata lontano da qui, ancora non è finita. Intanto, mentre in strada c'era il freddo e ci si apprestava a festeggiare il Natale, in alcune strutture si stava in pantaloncini e infradito, senza termosifoni, senza acqua calda, senza coperte. Così scattavano le liti, le discussioni, le risse per una maglia in più, per una stufetta o per una coperta.

Molte strutture non avevano elettrodomestici che ormai sono presenti in tutte le case come la lavatrice, così gli indumenti ognuno se li doveva lavare da solo, un po' co me capitava, nei lavandini, nelle vasche o in bacinelle. Quante volte si vedevano per strada, anche con freddo e gelo, ragazzi girare con le infradito, con pantaloni lisi e molto corti, in tanti hanno detto e pensato "Sono abituati così, da "loro" funziona così. Non è che hanno giacche!". Oltre al vestiario scarso, alle strutture lasciate senza acqua caldo e termosifoni funzionanti, dalle indagini condotte dagli inquirenti ricordiamo le derrate alimentari insufficienti, il mobilio vetusto, una situazione igienico-sanitaria del tutto inadeguata con sporcizia, muffa, bagni inagibili e blatte tra lo scatolame.

Sono 24 in tutto gli indagati nell'inchiesta "Welcome to Italy". Lucia Risi, 37 anni, nata a Sora ma residente a Cassino; Daniele Scittarelli, 37 anni di Cassino; Daniele Quadrini, 48 anni di Sora; Massimiliano Terrezza, 43 anni di San Giorgio; Ornella Romanelli, 63 anni di Mignano Montelungo ma residente a Rocca D'Evandro; Giuseppe D'Errico, 40 anni di Caserta ma residente a Casagiove;Michele De Rosa, 36 anni di Cassino; Martino Valiante, 58 anni di Santa Maria Capuavetere; Valentina Tomassi, 35 anni di Cassino pur comparendo tra gli indagati non sono stati raggiunti da alcuna misura cautelare, né personale né reale, disposta invece per Paolo Aristide Aristipini, 48 anni di Cervaro; Katia Risi, 44 anni di Cervaro; Bruno Vincenzo Scittarelli (già sindaco) 70 anni di Cassino; Michele Murante, 70 anni di Rieti; Massimiliano Murante, 34 anni di Rieti; Alessandro Pieroncini, 36 anni di Rieti; Modesto Mario Della Rosa, ex deputato, 60 anni di San Giorgio a Liri, di cui è stato anche sindaco; Angelo Marrocco, 69 anni, ex sindaco di Rocca D'Evandro; Simone Di Nallo, 42 anni di Cervaro; Giuseppe Di Pilla, 67 anni di Isernia; Salvatore Maddonni, 63 anni di Isernia; Francesco Mosillo, 37 anni di Cassino; Lucio Secondino, 43 anni di Cassino; Dino Secondino, 45 anni di Cassino; Luca Imondi, 38 anni di Cassino.