Una vita vissuta con tenacia, anche superando le difficoltà della guerra. È la storia di Angela Sinagoga, da tutti teneramente chiamata Zi Angelina, che nei giorni scorsi ha soffiato sulle sue prime 100 candeline, ed è diventata per un giorno il sindaco della città che ora ha una centenaria in più.

La signora Angela ha tagliato un importante traguardo. Una lunga vita nella quale ha conosciuto i terribili momenti della Seconda Guerra mondiale, e le difficoltà di un popolo che riparte da zero, ma poi sono arrivate le gioie della famiglia.

Il sindaco Gioacchino Ferdinandi e gli assessori Marialisa Tomassi e Vincenza De Bernardis sono andati a trovarla per festeggiare l'importante traguardo raggiunto in buona salute, per l'occasione Zi Angelina ha indossato la fascia tricolore ed è stata nominata sindaco per un giorno.

«La signora Angela ha attraversato un secolo di storia ed è, per questo, preziosa testimone delle trasformazioni e dei cambiamenti vissuti dalla nostra società nonché custode dell'entità locale - ha affermato il primo cittadino - La sua "lunga giovinezza" è per tutti noi motivo di orgoglio e di compiacimento. A nome dell'amministrazione e di tutta la cittadinanza, rivolgiamo a lei e alla sua bella famiglia gli auguri e le felicitazioni per il traguardo brillantemente raggiunto. Auguri, Zi Angelina!».