Una protesta pacifica all'ospedale Santa Scolastica di Cassino per tornare a chiedere l'apertura di un DH oncologico. In prima fila l'ex consigliere comunale, pioniere delle battaglie sul tema della sanità Carmine Di Mambro e il consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli, che ha spiegato: "Se siamo ancora qui a fare pressione è perché a distanza di sette mesi ancora non è stato fatto niente".

E Di Mambro ha aggiunto: "L'accreditamento del registro tumori e l'istituzione del DH oncologico sono un segno di grande umanità e di grande civiltà per tutto il territorio. Sulla sanità non ci possono essere sconti da parte di nessuno, credo che la Reguone debba farsi promotrice di tutte quelle iniziative volte a migliorare la sanità di tutto il Lazio".

Sono due anni che Carmine Di Mambro si batte non solo per l'attuazione e l'accreditamento del Registro Tumori,  ma in particolare per l'istituzione del reparto Day Hospital oncologico, per la somministrazione chemioterapica e radioterapica, presso l'ospedale Santa Scolastica di Cassino. "Ed è proprio per sensibilizzare la popolazione di tutto il basso Lazio che questa mattina sono, insieme a Pasquale Ciacciarelli, presso l'ospedale di Cassino, perché le battaglie che riguardano la salute pubblica si fanno in prima persona e mettendoci sempre la faccia, come ho sempre fatto", ha ribadito l'ex consigliere.