Due comunità in lacrime per la morte di "Donatone", l'amico di tutti, il 39enne deceduto all'una della notte scorsa in una stanza del policlinico Umberto Primo di  Roma, dove era ricoverato da circa 4 mesi per le ferite riportate in un incidente stradale. La comunità di Pescosolido, il Sora Calcio, gli amici di una vita ed anche il comune di Sora esprimono vicinanza alla famiglia. E mentre si attende di conoscere la data dei funerali i social sono inondati di messaggi.

"Oggi è venuto a mancare un bravo ragazzo, un dolce papà, una persona perbene. La vita non doveva riservarti questo, caro Donato. Che la terra ti sia lieve. A Luigi Alviani, il papà che tutti avrebbero sempre voluto, ad Antonella la mamma che sempre gli è stata vicino, ad Alessandra la cara sorella che lo ha seguito fin dal primo momento di ospedale, alla sua compagna di vita Valentina e alla piccola Giulia vanno le mie più sentite condoglianze. Con affetto e stima per questa famiglia colpita ingiustamente dal dolore." - ha reso noto il presidente della XV Comunità Montana Gianluca Quadrini.

Il sindaco di Sora, Roberto De Donatis, ha così commentato la scomparsa del ragazzo : "Ti ho conosciuto meglio in questi anni come attivista dell'associazione "I ragazzi del faone". Sguardo schietto e testa alta. Uno di quei casi in cui è naturale suggellare un impegno preso con una stretta di mano senza bisogno di troppe parole. Hai combattuto per 120 giorni come un leone una battaglia impossibile sorretto da una famiglia meravigliosa e da amici fraterni. Ai familiari in modo particolare esprimo tutto il mio cordoglio per Donato, che se ha perso questa battaglia ha vinto la guerra perché resta nel cuore di ognuno di noi. Non ti dimenticheremo."

Per leggere il primo articolo sulla morte del 39enne CLICCA QUI

Non ce l'ha fatta Donato Alviani. La morte del trentanovenne, avvenuta nella notte, ha lasciato la comunità di Sora, dove era nato e conosciuto da molti e quella di Pescosolido, dove abitava con la giovane famiglia, nello sconforto. "Donatone", cosi lo chiamavano in molti per la sua importante presenza, era al policlinico Umberto I di Roma per le ferite riportate dal grave incidente avvenuto lo scorso 24 giugno ad Isola del Liri,in via Selva del Dosso. Donato era alla guida del suo doblò, insieme ad un amico. E mentre stava percorrendo la strada in direzione Selva, si è schiantato contro la recinzione di una villetta. Sul posto, in un pomeriggio di piena estate, piombo' la macchina dei soccorsi. Le pagine social si stanno affollano di messaggi di vicinanza al dolore della famiglia.

di: Ecp