Il consiglio comunale ritrova l'unità sul progetto. In un consesso dove si respira sempre una forte tensione martedì sera è stato incassato l'ok unanime sul progetto di ristrutturazione della piscina. Anche la minoranza ha approvato la proposta di delibera evidenziando, però, che si trattava di un voto favorevole all'opera desiderata e richiesta da tutta la comunità e non sulle modalità utilizzate dalla maggioranza che, al contrario, sono state molto criticate.

Il secondo punto all'ordine del giorno riguardava la modifica della variazione di bilancio. Il motivo è nel costo del progetto. Nel precedente passaggio la ristrutturazione doveva avere un impegno di spesa di circa 600.000 euro che saranno richiesti alla Cassa depositi e prestiti come mutuo. Ma in fase di chiusura del progetto la cifra è risultata insufficiente e si è proceduto alla variazione.

Complessivamente il progetto avrà un costo di 770.000 euro che saranno recuperati con mutuo. «Si tratta di una delle opere più attese e presente in tutti i programmi elettorali - ha affermato il sindaco Rotondo - Che la città attende da ben dodici anni quando fu chiusa». La minoranza, concorde sulla progettualità è però critica sulle modalità.

«I tanti proclami fatti fino a oggi non hanno prodotto nulla - ha affermato il consigliere Tribini - Diamo un voto favorevole per restituire alla cittadinanza quello che si aspettava già anni fa». Sulla stessa linea anche il consigliere Paolo Renzi: «Si arriva in forte ritardo e mi auguro che siano stati chiusi tutti i contenziosi che erano presenti sul tema della piscina».

Molto dura anche il consigliere Annalisa Paliotta: «Il voto favorevole è dettato da una scelta di cuore nel rispetto di una promessa che i cittadini attendono da anni. Dal punto di vista amministrativo la città sappia che l'iter amministrativo a mio parere è sbagliato. Si approva a fine mandato un mutuo per una scelta che si ripercuoterà sulle tasche dei cittadini e delle future amministrazioni senza aver avuto finanziamenti in aiuto, pur di raccontare alla città a scopo prossimo elettorale che è stato avviato il mutuo per la piscina».