Al Campus della Folcara dell'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale si è celebrata nei giorni scorsi la quinta giornata in memoria di Ada Lovelace. L'evento è stato promosso come sempre dalla professoressa Giulia Orofino, delegata del rettore Betta alla diffusione e alla conoscenza. La quinta edizione di eventi per celebrare Ada Lovelace, considerata la prima programmatice della storia del computer, la giornata di quest'anno ha avuto come obiettivo ridurre la disparità di genere e il digital divide.

La docente dell'Unicas, Elena Garcea, ha dimostrato presentando la sua ricerca sulla preistoria dei cambiamenti climatici come anche le materie "umanistiche" possano contribuire all'avanzamento delle conoscenze scientifiche. L'Ada Lovelace Day di Cassino ha promosso, inoltre, la diffusione e la conoscenza delle cosiddette Stem disciplines nelle scuole del territorio, incoraggiando le ragazze ad avvicinarsi a questi studi e ad investire nelle carriere scientifiche e tecnologiche, grazie al contest "Ada Award".

Infatti squadre di studenti, ciascuna capitanata da una ragazza, si sono cimentate in un progetto di ricerca nell'ambito delle discipline scientifiche con il tutorato congiunto dei loro professori e delle docenti Unicas. I progetti meritevoli saranno poi premiati nel corso di "Unicas-Orienta" il prossimo mese di marzo.