Sta facendo scalpore, soprattutto sul web, la foto di un cervo annegato (legato alle zampe dopo morto per poterlo tirare fuori dall'acqua) mentre cercava di bere. A tradirlo un abbeveratoio dove, si dice, altri animali abbiano già fatto la stessa fine. Un problema sollevato da molti ma rimasto senza soluzione. Si tratta di una vasca che alimenta un abbeveratoio in località Fontana Scrofa (Comune di Jenne), nel cuore del parco dei Monti Simbruini.

A tradire la povera bestia sicuramente la sete e soprattutto questo "strano" abbeveratoio che, a detta di quanti lo hanno visto, sembra più una trappola che un luogo di ristoro per animali. In una nota il Parco si dice «dispiaciuto per questo evento, anche in considerazione delle tante azioni che il Parco, insieme alla Regione Lazio, ha messo in atto per favorire la reintroduzione dell'ungulato nel territorio protetto».