L'ha perseguitata e maltrattata per due anni e poi, non contento, l'ha ossessionata con messaggi su Facebook e Whatsapp. Alla fine la donna, ormai ex, esasperata dalle azioni del ventottenne di Serrone, si è rivolta ai carabinieri di Fiuggi.

A febbraio i militari agli ordini del comandante De Somma hanno fatto partire le indagini che avevano portato nei confronti del giovane a una denuncia per maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e atti persecutori. Ora è arrivato anche il provvedimento da parte dell'autorità giudiziaria che ha emesso il provvedimento di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna.

Le restrizioni prevedono di non avvicinarsi all'abitazione, al luogo di lavoro ed ogni altro luogo frequentato dalla vittima, nonché di non comunicare in qualsiasi modo con lei e di mantenersi a una distanza di almeno cento metri.