Brutta giornata per Rita Giorgio. Questa mattina si è recata all'ospedale Santa Scolastica ma, oltre ad aver trovato un'auto parcheggiata in maniera scorretta, ha anche trovato dei paletti gialli con le catene che rendevano praticamente impossibile il passaggio. "Per entrare nella struttura è stato necessario passare attraverso il Cup - ha spiegato l'attivista che è in campo dal 2000 - Una vergogna, una barriera nella barriera."

"Chiedo l'intervento immediato anche del sindaco e dell'assessore ai Servizi sociali -ha proseguito- perché l'ospedale è un luogo che deve essere accessibile a tutti. E' un diritto imprescindibile, quello alle cure, questo è un territorio invivibile per quanto riguarda la disabilità. E' anche una questione culturale e le cose devono cambiare".

La dirigente del Pd con delega alle barriere architettoniche incalza: "Bisogna lavorare con più risultati, non amo le passerelle, a me interessa cambiare un territorio, liberarlo e consegnarlo nelle mani di chi verrà dopo di me per migliorarlo ancora. Non sono una che si arrende facilmente e andrò avanti senza fermarmi, neanche davanti agli ostacoli".