«S. Giorgio a Liri non è un paese per disabili». È l'ultima accusa sollevata dal consigliere di minoranza Davide Della Rosa nei confronti dell'amministrazione Lavalle. Per un disabile che volesse farsi un giro a S. Giorgio con la sua carrozzina, praticamente sarebbe un vero e proprio percorso ad ostacoli – denuncia il capogruppo di "Rinascita per S. Giorgio"- Fatto salvo l'accesso alle panchine di piazza Dante, per il resto è tutto inaccessibile».

Proprio Della Valle, ieri mattina, ha provato a farlo un giro immaginando di essere in sella ad una carrozzina. Questo il suo racconto: «Lungo corso Spatuzzi l'accesso ai marciapiedi è praticamente impossibile, visto lo spessore dello scalino da superare; le macchine parcheggiate ai lati della strada diventano una barriera insormontabile; impossibile altresì accedere all'ufficio postale, che dovrebbe essere un esempio per tutti, ma ahimé la rampa laterale è perennemente occupata da macchine. Stesso discorso per i luoghi pubblici: negozi, bar (con qualche eccezione), attività commerciali varie, tutte o quasi».

Le cose non vanno meglio neppure al palazzo municipale. La rampa d'accesso, in realtà, c'è. Ma solo per permettere l'ingresso al pianterreno. «Eppure – continua con un commento amaro Davide Della Rosa- vi sono diverse leggi che disciplinano la materia ma, come spesso accade, non c'è tempo per farle rispettare. Ho presentato a tal fine una richiesta al sindaco di S. Giorgio a Liri, per una verifica complessiva sull'attuazione della legge 104, e per chiedergli se non ritenga opportuno discutere del tema nell'organo sovrano di ogni comunità, il consiglio comunale».