I truffatori sono sempre in agguato non solo per le strade ma anche sul web. Un'attività sorana è stata vittima di "furto on line". La titolare di un negozio alla periferia di Sora, in zona San Domenico, ha affidato al web la ricerca prima, e l'acquisto poi, di un pezzo di ricambio per un elettrodomestico.

Ben indicizzato nel portale on line era un rivenditore che tra gli oggetti che vendeva sul web aveva proprio la disponibilità del pezzo che serviva alla donna residente a Sora. Lunedì la titolare decide di fare il bonifico di 140 euro, sentendo prima, tramite whatsApp, l'uomo residente nella provincia di Roma che all'inizio si è dimostrato disponibile a rispondere alle domande che gli venivano poste. Una volta, però, spediti i soldi e quindi fatto il bonifico il malfattore ha chiuso i rapporti con la titolare dell'attività sorana non rispondendo più alle telefonate e addirittura bloccandola sul cellulare.

La donna ha così deciso, lunedì stesso, di fare una ricerca on line scoprendo una serie di commenti negativi e pessimi feedback scritti sul web da altri acquirenti. Sconvolta per quanto appreso ha contattato i carabinieri della provincia di Roma, di Ardea, dove l'uomo risiede, che l'hanno informata che il soggetto ha diverse denunce a suo carico proprio per aver raggirato e truffato acquirenti on line.

La donna ha così stampato tutto il materiale che aveva raccolto e si è detta pronta a denunciare, anche lei, l'uomo, proprio perché vittima di una truffa on line sottolineando che, seppure si trattasse di una somma irrisoria, la presa in giro è stata enorme e non digerita.

Ladri messi in fuga dall'allarme
Inoltre, a Sora, nella notte tra martedì e mercoledì, è stato tentato di rubare anche in un noto negozio. Grazie all'impianto di sorveglianza i ladri sono scappati lasciando, al suo posto, la potenziale refurtiva.